PALAMITA PRIDE...CHE PERLA QUESTO MARE!

Ven, 01/06/2018 - 10:40

Mentre eravamo affacendati altrove a metter in gara chef e camerieri, per noi si è “sacrificata” l’amica Giovanna Quilici che tiene monitorata la nostra tanto amata (e poco vissuta ahimé) Costa Toscana. Infatti la due giorni de "Un Mare Di Gusto, Palamita in Fiore", uno degli ultimi eventi enogastronomici organizzati con garbo da Deborah Corsi, chef patronne del ristorante La Perla del Mare, ha chiuso i battenti in una singolare location. Domenica 20 maggio a San Vincenzo Giovanna ha preso parte ad un pranzo- evento a base di palamita e fiori eduli bio, dell'azienda Carmazzi di Torre del Lago nella suggestiva ‘Passeggiata del marinaio’ che porta alla statua di Giampaolo Talani, artista sanvincenzino scomparso recentemente, che è punto di riferimento per il porto di San Vincenzo.

La passeggiata si è trasformata, per una domenica, in un ristorante sul mare grazie a quattro chef del territorio che hanno interpretato con i loro piatti la palamita, un pesce definito povero, protagonista e trasformato in un ingrediente eclettico. 

Ai fornelli si sono alternati :‘La Perla del Mare’, San Vincenzo. chef Deborah Corsi, organizzatrice dell’evento e promotrice del territorio di San Vincenzo, ha presentato il Benvenuto con la ‘Palamita Croc’, una sfoglia tirata fine e fritta abbinata a due sfere di palamita condite con acciughe e pomodorini ed il gran finale con la ‘Campigliese New Style’, una cheese cake al limone con sfoglia di Campigliese e gelato ai pinoli. Vini abbinati: Allodio bianco 2016, azienda Podere San Michele e per il dolce Noblis Muffato di Vermentino 2015, azienda Terre del Marchesato di Bolgheri. 

Al Baccanale, Piombino. Lo chef Ivano Lovisetto si è occupato dell’antipasto con una ‘Panzanella Azzurra’, pane con lievito madre e farina di grano arso, cetrioli, pomodorini confit, sugarello in carpione, acciughe marinate, palamita cotta in olio cottura, sgombro gravlax all’arancia, chips di pomodoro, cipolla e finocchio e fiori di begonia. Vino abbinato: Allodio bianco 2016, azienda Podere San Michele di san Vincenzo.

‘Il Doretto’, Cecina. Lo chef Mirko Rossi ha proposto ‘I bottoni di canapa’ ripieni di palamita accompagnati da cozze e fiori Fucsia. Vino abbinato: Vermentino 2017 della Tenuta Guado al Tasso Antinori di Bolgheri.

‘L’Ciocio’, Suvereto. Lo chef Fabrizio Caponi ha presentato la ‘Palamita al fino di alloro’, con julienne di zucchine crude e fiori di nasturzio dal sapore piccante che ricordava il ravanello. Vino abbinato: Rosatico 2016 dell’azienda Poggio al Grillo di Castagneto Carducci

Nomi di chef e ricette a parte, va fatto un plauso a Deborah, alla sua energia, alla sua forza positiva che riesce a trascinare i colleghi in modo garbato, senza mai “salire in cattedra” ma facendo squadra con tutti, cosa mai scontata, in un territorio che eccelle per i suoi vini ma che proprio per questo ha sempre bisogno di mettere in luce anche la sua cucina. Il prossimo appuntamento?

La scia del successo dell’evento “Un Mare di Gusto” continua, infatti domenica 17 Giugno ci sarà nuovamente Deborah Corsi ai fornelli ad animare un originale esibizione a Livorno “Alle Vettovaglie” nel mercato coperto in occasione del Cacciucco Pride”. Ovviamente il protagonista sarà il piatto livornese che sarà raccontato da lei insieme a Tinto e Fede dalla trasmissione radiofonica Decanter di Radio2.

La Redazione

Archivio

Categorie

ALTRIBEIBLOG

Witaly S.r.l. 2012 © All rights reserved Partita Iva 10890471005
Witaly è registrata presso il Tribunale di Roma n. 95/2011 del 4/4/2011 – Tutti i diritti riservati