Borsò a San Polo

Mer, 05/08/2015 - 09:55

In famiglia si ridiscute e questo è un bene. Così la classica cucina di papà Adriano che ha fatto la fortuna negli anni ottanta e novanta del Gambrinus, viene riaggiornata dai figli secondo nuovi schemi e stimoli più contemporanei. Nasce così il Borsò, accanto al ristorante datato, con due salettine ben arredate, ma con meno pretese che si avvalgono anche di un piacevole spazio esterno affacciato sul laghetto del parco. Qui viene proposta una cucina più semplice e diretta, e trovano spazio anche le nuove idee di Pierchristian, sempre più responsabile della cucina che è memore degli insegnamenti di Lopriore e Alajmo e soprattutto di Leeman, come dire tre dei migliori e più fini intelletti della cucina italiana. Il risultato è ancora in fieri, si basa su un orto che sta crescendo accanto alle già note vigne, si avvale delle preferenze quasi vegane dello chef, deve trovare ancora la sua giusta espressione, ma rende già interessante la visita e ci stimola a seguire questo indirizzo che avevamo un pò dimenticato.

Archivio

Witaly S.r.l. 2012 © All rights reserved Partita Iva 10890471005
Witaly è registrata presso il Tribunale di Roma n. 95/2011 del 4/4/2011 – Tutti i diritti riservati